News dal CdA – 28 aprile 2020


Il 28 aprile 2020 si è riunito su Teams il Consiglio di Amministrazione del Politecnico a cui ha partecipato il nostro rappresentante Marco Guerini.

Di seguito i principali argomenti trattati:

  1. Bilancio Unico di Ateneo del Politecnico dell’Esercizio finanziario 2019 e utilizzo dell’avanzo di amministrazione:

E’ stato approvato il Bilancio Unico di Ateneo del Politecnico dell’esercizio finanziario 2019. Inoltre è stato deciso come utilizzare l’avanzo di amministrazione il cui ammontare totale risulta essere di circa 29 milioni. Questo risultato è il frutto di una prudente pianificazione in fase di budget e una attenta gestione amministrativa. L’avanzo di amministrazione verrà impiegato per::

  • Completare il finanziamento del piano strategico 2020 – 2022: 15 milioni di euro

Il piano triennale (che puoi trovare spiegato in un nostro articolo qui), necessita di ulteriori stanziamenti, spalmati su i prossimi 3 anni. In particolare, verranno integrati i fondi per:

  • Didattica per integrazione teoria e pratica
  • Laboratori dipartimentali
  • Visiting professors
  • Supporto all’associazionismo studentesco
  • Migliorare i portali informatici
  • Rifacimento del Campo sportivo Giuriati,
  • La Collina di Bovisa
  • Parco dei Gasometri
  • Parco Smerlo
  • Finanziare il piano triennale dell’edilizia approvato dal CDA a dicembre 2019: 11 milioni di euro

Fondi che serviranno a far partire molti progetti, tra cui:

  • Gasometri (finanziamento parziale)
  • Integrazione Edificio 21, dipartimento DEIB
  • Integrazione dipartimento ABC
  • Integrazione dip. Energia anche per liberare spazi per dip. Aerospaziale.
  • Predisporre un fondo rischi per l’emergenza Covid 19

L’emergenza covid-19 ha imposto all’Ateneo di ridurre di 6,4 milioni gli investimenti pensati per l’edilizia per poter finanziare una serie di iniziative dovute alla situazione di crisi attuale, tra cui:

  • Una misura dedicata a studenti in difficoltà 
  • Un fondo rischi per gli inevitabili scostamenti rispetto al budget 2020 approvato a dicembre (DSU, Residenze, Oneri per Contratti di Ristorazione, Dispositivi DPI, Strumentazione smartworking…)
  • Attivare un fondo per raccogliere le eredità positive dell’esperienza sulla didattica a distanza per progettare la “didattica post covid”: 3 milioni di euro

Il Politecnico ha deciso di investire gran parte dell’avanzo in azioni rivolte ai propri studenti e ringraziamo la governance di Ateneo che ha avuto ancora una volta un occhio di riguardo per la propria popolazione studentesca e per la didattica, in particolare in un momento difficile come quello che stiamo vivendo tutti oggi. Fondi dunque che serviranno agli studenti in difficoltà, ma anche a rilanciare la didattica per il futuro. Continueremo a lavorare per garantire migliori possibilità e occasioni agli studenti del Poli.

2.Aggiudicazione gara per i servizi di ristorazione

Abbiamo ottenuto una grande conquista! Prima o poi torneremo tutti al Politecnico e allora tornerà fondamentale il servizio che ci sarà nelle nostre mense. In Cda ci è stata data comunicazione dell’esito del Bando di gara per i servizi di ristorazione avvenuto nei mesi scorsi e nella stesura del quale abbiamo dato un forte contributo: entreranno al Poli due società con oltre 55 anni di esperienza, l’inglese Compass Group esperta in ristorazione commerciale, e la milanese Pellegrini, storica società di Milano e tra i leader nella ristorazione collettiva, ovvero la mensa classica. Il nostro lavoro, che vi racconteremo nel dettaglio con un articolo nei prossimi giorni, è stato quello di lavorare insieme agli uffici per un bando rivoluzionario rispetto al passato, con l’obiettivo di attrarre società solide che offrano servizi di qualità e con prezzi bassi. A quanto pare, ce l’abbiamo fatta!

Continueremo a lavorare per voi affinché quanto promesso dalle nuove società venga mantenuto.


3. Parco dei Gasometri e nuove strutture in Bovisa

Da moltissimi anni ormai si parla de “La Goccia”, il parco dietro il Campus Lambruschini in Bovisa, e sembra sempre essere pronto per partire. Non ci siamo nemmeno oggi, tuttavia, o meglio, ci siamo solo in parte! Le bonifiche sono già state fatte su uno dei 3 lotti che dividono “La Goccia” di proprietà del Politecnico. I fondi per il Parco dei Gasometri sono già stati stanziati e la realizzazione di un parco con campi sportivi, percorso vita, e spazi studio coperti (come quelli del Parco di Leonardo), partirà nei mesi successivi al rientro dell’emergenza. Così come il nuovo edificio Zen del dipartimento di Ingegneria Energetica, che sorgerà vicino al BL26. Invece, per quanto riguarda la realizzazione di due edifici all’interno dei due gasometri, i quali dovrebbero ospitare un palazzetto dello sport l’uno e un “open innovation centre” per PoliHub e imprese l’altro, nel CdA di oggi e in quello del prossimo mese si darà il via ad una progettazione esecutiva, con la quale si cercherà di trovare nuovi finanziamenti pubblici, come si è già fatto con i 5 milioni dati da Regione Lombardia per questo progetto.

Abbiamo approfondito il tema nel nostro articolo “LA Bovisa del futuro“, per raccontarvi lo stato dei progetti e l’obiettivo finale. Siamo molto contenti che il Politecnico voglia investire (anche cercando fondi esterni) in infrastrutture per aumentare gli spazi studio, gli spazi sportivi – che in Bovisa oggi non ci sono ancora – e dare ancora più opportunità per lo sviluppo delle idee imprenditoriali dei nostri studenti.

 

4. Donazioni per emergenza covid-19

Grazie agli ottimi rapporti internazionali, in particolare con la Cina, al Politecnico sono arrivate donazioni di materiale medico da moltissime università cinesi e dall’associazione “Chinese Alumni Of Politecnico Di Milano”. Queste donazioni sono iniziate ad arrivare fin dall’inizio di marzo e stanno continuando. In totale il Poli ha ricevuto circa 350 mila mascherine ed una serie altri dispositivi come occhiali protettivi medici e guanti in lattice per oltre 50 mila pezzi. Il CdA ha accolto con molto piacere queste donazioni e le impiegherà in parte per le attività che nelle prossime settimane dovranno riprendere internamente all’Ateneo e in parte per la Protezione Civile perché le distribuisca secondo le emergenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *