Come riparte il Poli? Ecco tutti i dettagli!

[ENGLISH VERSION BELOW]

L’inizio del nuovo anno accademico si avvicina e molti di voi hanno ancora tanti dubbi e domande aperte. Con quest’articolo cercheremo di rispondervi alla luce del nostro lavoro di questi mesi negli organi del Politecnico.

Ci teniamo a raccontarvi il quadro completo di ciò che ci aspetterà dal 14 settembre, il modello organizzativo che si è scelto di adottare e le ragioni che hanno portato a ripartire con queste modalità. Qua potete trovare la nostra posizione dopo la delibera del Senato Accademico (link).


Non ci stancheremo mai di ribadire quanto sia fondamentale per noi la presenza in università intesa come luogo fisico di rapporti e relazioni e quindi non riducibile alla sola ora di lezione. Per questo motivo rinnoviamo l’invito a tutti a ritornare ad abitare i nostri campus e ricominciare a fare esperienza dell’università a tutto tondo.
Non ci sono obblighi, il nostro è un invito e crediamo che ogni studente, messo al corrente del quadro completo, possa scegliere liberamente e coscientemente se tornare o meno, anche alla luce della sua esperienza e della sua situazione.

Deve essere chiaro: il Politecnico riapre le sue porte e torna in presenza adeguando gli spazi e i ritmi alle nuove circostanze. 

Didattica

Le lezioni saranno svolte in parte in presenza e in parte a distanza. La proporzione fra le due modalità sarà tendenzialmente 50-50 ma modulabile secondo le necessità e peculiarità di ogni insegnamento. Per esempio un laboratorio di architettura avrà una percentuale maggiore di ore in presenza a discapito dei corsi teorici. Per ingegneria dove la maggior parte dei corsi si dividono in teoria e esercitazioni, la situazione sarà più omogenea sul 50%.

In ogni caso, in questi giorni si sta ultimando la stesura dell’orario che descriverà per ogni insegnamento la parte a distanza e la parte in teoria, con la relativa collocazione temporale.

Per strutturare l’orario l’indicazione è quello di limitare al minimo gli spostamenti degli studenti verso l’Ateneo e nel campus stesso. Allo stesso modo si cercherà di lasciare tempo tra lezioni in presenza e lezioni a distanza per lasciar modo agli studenti di trovare un posto dove seguire dal pc.

Le lezioni in presenza saranno quindi divise in più scaglioni: in questo modo si potrà garantire un posto in aula per tutti senza la necessità di alcuna prenotazione. 

Le lezioni in presenza saranno allo stesso tempo trasmesse in diretta streaming per coloro che non potessero o volessero andare in aula grazie a impianti ad hoc installati in tutte le aule durante le settimane estive. Inoltre, ci sarà la possibilità per il docente di registrare i contenuti e renderli disponibili.

Ne approfittiamo per comunicarvi che le registrazioni delle lezioni dello scorso semestre saranno disponibili su Microsoft Stream fino a febbraio 2021.

Cerchiamo di riassumere questa parte così: fino allo scorso anno uno studente poteva non frequentare i corsi, studiare a casa, sui libri e sugli appunti recuperati e poi recarsi a fare un esame come tutti. Ognuno è libero di decidere come frequentare, lo era l’anno scorso e lo sarà quest’anno. La differenza sta nel fatto che si potranno seguire live i video delle lezioni svolte in aula. Per questo non sarà necessaria nessuna istanza o richiesta per avere l’accesso alle live.

Diritto allo Studio

Siamo consapevoli che oggi più che mai fare l’università a Milano sia un sacrificio, anche economico, importante. Soprattutto per quelle categorie come i fuori sede che devono sostenere tante spese come l’affitto. Qui (link) trovate tutte le misure economiche per gli studenti, che vi riassumiamo di seguito.

  1. Per ottenere la borsa di studio DSU per “fuori sede”, gli studenti hanno sempre dovuto presentare un contratto di affitto di almeno 10 mesi entro i primi di ottobre. Oltre a questa modalità, che rimane invariata anche quest’anno, abbiamo fatto inserire una nuova finestra ai primi di marzo dove presentare un contratto di affitto di soli 4 mesi. In questo modo uno studente che decide di stare a casa il primo semestre e di venire a milano il secondo, potrà contare su una borsa di studio calcolata in base ai mesi di affitto e non risultare “pendolare” per tutto l’anno accademico.
  2. La no tax area è stata estesa fino a 20.000 di ISEE e fino 30000 ISEE ci sarà un calo della tassazione.
  3. Nel mese di settembre verrà rimborsato il 50% della quota forfettaria di buoni pasto DSU per chi non li ha mai utilizzati nei mesi di emergenza.
  4. Abbiamo triplicato il fondo contributi straordinari per venire incontro a più studenti possibili.
  5. Nei prossimi mesi sarà erogato un bonus per il digital divide destinato all’acquisto di hardware. I beneficiari e le modalità sono ancora in via di definizione.

Cosa riapre oltre la didattica?

Il campus continuerà a svolgere il suo ruolo di luogo d’incontro, di scambio e di vita dentro la nostra città. Anche Milano è e sarà un’incredibile occasione per avere una finestra sul mondo e grandi possibilità di fare esperienze, incontrare culture e persone nuove. 

Tutto questo sarà ancora più affascinante dentro i campus universitari: basti pensare al nuovo campus Bonardi di Renzo Piano in dirittura d’arrivo.

Ovviamente, i protocolli sono ben definiti con tutte le cautele di sicurezza sanitaria necessarie. Ecco alcuni dettagli:

 

  • In tutti i campus i flussi saranno divisi e opportunamente indicati per rendere ordinato e con meno contatti gli spostamenti interni.
  • Nelle aule invece sarà garantito il distanziamento di un metro e la capienza che quindi si abbassa circa del 50%.
  • Le aule studio e le biblioteche saranno liberamente accessibili seguendo il protocollo di sicurezza e le indicazioni. Attualmente sono già disponibili 600 posti studio.
  • Le mense di tutti i campus saranno nuovamente accessibili e implementeranno il servizio di take-away. In via sperimentale ci saranno dei locker in cui, su prenotazione dall’app all’orario prestabilito, si potrà ritirare il pasto.
  • Ripartiranno le attività sportive. Il giuriati è ancora chiuso ma saranno comunque organizzati eventi e corsi accessibili a tutti gli studenti. In Bovisa invece, saranno installati degli spogliatoi per permettere di svolgere l’attività sportiva e poi cambiarsi nel campus.
  • Infine, le associazioni studentesche potranno avere i loro spazi d’incontro e di dialogo con tutti gli studenti tramite eventi o progetti lungo tutto il semestre.

F.A.Q.

Ecco le nostre risposte alle domande più comuni.

 

  • Potrò seguire tutte le lezioni da casa?

Certamente, nonostante noi vi invitiamo a tornare in presenza per chi fosse impossibilitato o semplicemente non volesse venire al Politecnico potrà seguire tutte le lezioni in streaming da casa, anche quelle in presenza.

  • Dovrò prenotare il posto in aula? 

No, non sarà necessario prenotare il posto in aula perché le classi saranno divise in due gruppi così da avere posto per tutti.

  • Se ho un esame a frequenza obbligatoria devo seguirlo per forza in presenza?

No, come è avvenuto già il semestre scorso la frequenza potrà essere convalidata anche se il corso sarà seguito a distanza.

  • Le lezioni saranno registrate? 

Come è avvenuto lo scorso semestre, le lezioni verranno registrate solo su decisione del singolo docente. Il Politecnico mette a disposizione piattaforme per la registrazione sia delle lezioni in presenza sia per quelle a distanza e ovviamente auspica ed incentiva tale servizio. Tuttavia, i docenti saranno liberi di decidere se registrare o meno.

  • Le aule studio saranno aperte? 

Si, già ora alcune aule sono aperte e anche nel periodo delle lezioni sarà possibile fermarsi a studiare al Poli. Non occorrerà prenotare il posto ma la capienza delle aule è ridotta rispetto al solito per permettere il distanziamento. Qui (link) si trova l’elenco aggiornato di tutte le aule disponibili.

  • Dentro l’università dovrò tenere la mascherina? 

Nelle aule di lezione e nelle aule studio sarà obbligatorio utilizzare la mascherina personale.

  • Cosa succede in caso di nuove chiusure?
    Grazie alle tecnologie messe in campo, in caso di nuove chiusure sarà immediato il passaggio al digitale. Allo stesso modo, se la situazione dovesse migliorare potrebbe aumentare la quantità di ore in presenza.

 

 

Per qualsiasi ulteriore domanda non esitate a contattarci.

Buon inizio dell’anno!

Il Team di Lista Aperta

 

Rappresentanti negli Organi Centrali:

Matteo Oggioni – Senato Accademico – [email protected]

Marco Guerini – Consiglio di Amministrazione – [email protected]

Andrea Seghezzi – Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari – [email protected]

 

 

[ENGLISH VERSION]

 

The beginning of the new academic year is approaching and many of you still have lots of doubts and open questions. With this article we will try to answer you in the light of our work in recent months inside PoliMi bodies.

We would like to give you the complete picture of what awaits us from 14 September onwards, the structure model that has been chosen and the reasons that led to restart in these ways. Here you can find our position after the decision of the Academic Senate (link).

We will never tire of reiterating how essential it is for us to be present on campus for relationships and therefore university is not reducible to the hour of the lecture. For this reason, we renew the invitation to everyone to return to live on our campuses and start again to experience the university in the round.

There are no obligations, ours is an invitation and we believe that every student, made aware of the complete picture, can freely and consciously choose whether to return or not, also in the light of his experience and situation.

It must be clear: PoliMi reopens its doors and returns to presence, adapting spaces and rhythms to the new circumstances.

 

Teaching

Lessons will be held partly in person and partly at distance. The proportion between the two modalities will tend to be 50-50 but can be modulated according to the needs and peculiarities of each course. For example, an architecture laboratory will have a higher percentage of hours in attendance reducing the presence of theoretical courses. For engineering where most of the courses are divided into theory and exercises, the situation will be more homogeneous on 50%.

In any case, the drafting of the timetable is being finalized in these days, which will describe the distance part and the theoretical part for each course, with the relative temporal position.

To structure the timetable, the indication is to minimize the movement of students to the University and to the campus itself. In the same way we will try to leave time between face-to-face lessons and remote lessons to allow students to find a place to follow from the PC.

The face-to-face lessons will therefore be divided into groups: in this way it will be possible to guarantee a place in the classroom for everyone without the need for any reservation.

The face-to-face lessons will at the same time be broadcast in live streaming for those who are unable or unwilling to go to the classroom thanks to ad hoc systems installed in all classrooms during the summer weeks. Furthermore, there will be the possibility for the teacher to record the contents and make them available.

We take the opportunity to inform you that the recordings of the lessons of the last semester will be available on Microsoft Stream until February 2021.

Let’s try to summarize this part like this: until last year a student could not attend courses, study at home, on books and notes recovered and then go for an exam like everyone else. Everyone is free to decide how to attend, it was last year and it will be this year. The difference is that you will be able to follow the videos of the lessons held in the classroom live. For this, no application or request will be required to have access to the live shows.

 

Right to Study

We are aware that today, more than ever, going to university in Milan is an important sacrifice, even economically. Especially for those categories such as off-site students who have to bear many expenses such as rent. Here (link) you will find all the economic measures for students, which we summarize below.

  1. To obtain the DSU scholarship for “off-site”, students have always had to present a rental contract of at least 10 months by the beginning of October. In addition to this method, which remains unchanged this year too, we had a new window inserted at the beginning of March where a 4-month lease agreement is presented. In this way, a student who decides to stay at home for the first semester and come to Milan for the second, will be able to count on a scholarship calculated on the basis of the months of rent and not be a “commuter” for the entire academic year.
  2. The no tax area has been extended up to 20,000 ISEE and up to 30,000 ISEE there will be a drop in taxation.
  3. In September, 50% of the flat rate DSU meal vouchers will be reimbursed for those who have never used them in the emergency months.
  4. We have tripled the fund for extraordinary contributions to accommodate as many students as possible.
  5. A bonus for the digital divide will be paid out in the coming months for the purchase of hardware. The beneficiaries and the procedures are still being defined.

 

What reopens beyond teaching?

The campus will continue to play its role as a meeting place, a place of exchange and life within our city. Milan too is and will be an incredible opportunity to have a window on the world and great opportunities to have experiences, meet new cultures and people.

All this will be even more fascinating on university campuses: just think of Renzo Piano’s new Bonardi campus on the home straight.

Obviously, the protocols are well defined with all the necessary health safety precautions. Here are some details:

  • In all campuses the flows will be divided and appropriately indicated to make internal movements orderly and with fewer contacts.
  • In the classrooms, on the other hand, the spacing of one meter will be guaranteed and the capacity is therefore lowered by about 50%.
  • The study rooms and libraries will be accessible following the safety protocol and instructions. 600 study places are already available.
  • The canteens of all campuses will be accessible again and will implement the take-away service. On an experimental basis, there will be lockers in which, upon reservation from the app at the set time, you can collect your meal.
  • Sports activities will restart. The jurors is still closed but events and courses will be organized, accessible to all students. In Bovisa, on the other hand, changing rooms will be installed to allow sports activities and then change on campus.
  • Finally, the student associations will be able to have their spaces for meeting and dialogue with all students through events or projects throughout the semester.

 

F.A.Q.

 

Here are our answers to the most common questions.

  • Will I be able to follow all the lessons from home?

Of course, although we invite you to come back in attendance for those who are unable or simply do not want to come to the Politecnico, they can follow all the lessons in streaming from home, even those in presence.

  • Will I have to reserve a seat in the classroom?

No, it will not be necessary to reserve a seat in the classroom because the classes will be divided into two groups so as to have room for everyone.

  • If I have a compulsory attendance exam, do I have to take it in person?

No, as already happened last semester, attendance can be validated even if the course is followed at a distance.

  • Will the lessons be recorded?

As happened last semester, the lessons will be recorded only on the decision of the individual teacher. The Politecnico provides platforms for recording both face-to-face and remote lessons and obviously hopes and encourages this service. However, teachers will be free to decide whether or not to register.

  • Will the study rooms be open?

Yes, some classrooms are already open now and even during the lessons it will be possible to stop and study at the Poli. It will not be necessary to reserve a seat but the capacity of the classrooms is reduced compared to usual to allow for spacing. Here (link) you will find the updated list of all available classrooms.

  • Will I have to keep the mask inside the university?

In the classrooms and study rooms it will be mandatory to use a personal mask.

  • What happens in the event of new closures?

Thanks to the technologies implemented, in the event of new closures the transition to digital will be immediate. Likewise, if the situation could improve it could increase the amount of hours in attendance.

 

 

For any further question, please do not hesitate to contact us.

Good luck for the new year!

 

Lista Aperta Team

 

Representatives in the Central Bodies:

Matteo Oggioni – Academic Senate – [email protected]

Marco Guerini – Board of Governors – [email protected]

Andrea Seghezzi – National Council of University Students – [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *