Resoconto Senato – 18/09/17

Lunedì 18/09/2017 si è tenuta una seduta del Senato Accademico a cui hanno partecipato i nostri rappresentanti Anna Finotto e Giovanni Castelli Dezza.

Sono qui riportati i principali argomenti affrontati:

Comunicazioni

Il Senato è iniziato con un aggiornamento sulla situazione dello sciopero. Vi sono stati circa 200 appelli sospesi,  tutti riprogrammati con massima attenzione per i laureandi, garantendo quindi tutti gli appelli di Laurea nei giorni 22 e 23 settembre, come originariamente fissati, senza necessità di introdurre appelli straordinari nelle settimane successive.

È stato inoltre presentato il progetto per il nuovo sito internet di Ateneo, che punta a migliore fruibilità e a presentare in maniera più efficace l’Ateneo. Il lavoro sarà completato nel corso di tutto l’anno 2018.

Provvedimenti amministrativi e per il personale

Oltre all’approvazione di nuovi assegni di ricerca e Accordi Quadro e del bando delle 150 ore per l’A.A. 2017/18, sono stati nuovamente sottoposti all’attenzione e al giudizio dei presenti i criteri di distribuzione dei Punti Organico.

A partire da questa tematica si è arrivati a stabilire, in seguito a votazione, s che la valutazione pubblica dei professori, basata sui questionari compilati da noi studenti, sia erogata in cifre (fino alla prima decimale) su una scala da 1 a 4 anziché in tre fasce (Basso, Medio, Alto) come accade oggi. Noi studenti abbiamo votato tutti a favore di questo nuovo criterio, ritenendolo molto più chiaro e preciso rispetto al precedente. Tuttavia riconosciamo che forse ciò che andrebbe corretto non è tanto l’espressione di valutazione che si legge sulla scheda del docente quanto piuttosto il questionario di valutazione della didattica, che viene sottovalutato dagli studenti (e quindi spesso compilato poco seriamente) e dal quale si ricava un giudizio sul docente del corso non preciso e facilmente poco veritiero. O forse un’altra questione sussiste ancora più a monte: è giusto che siano gli studenti a valutare il professore? È utile che le valutazioni dei professori siano rese pubbliche? È ragionevole che la distribuzione dei nuovi Punti Organico sia basata su questi giudizi?

Si tratta dunque di un tema molto più delicato, ampio e complesso di quanto la ridotta discussione in Senato facesse emergere, un tema che ci interessa approfondire.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *